SICO-TECH elettromedicali

Produzione e vendita diretta di apparecchi elettromedicali per uso domiciliare e ambulatoriale.

  Cellulite  

cellulite funzionale  

ipoderma-derma-epidermide
  derma

Cellulite, Cellulite Funzionale, Lipodistrofia

La Cellulite Funzionale è un disturbo estetico a carico dell'Ipoderma, un tessuto situato sotto il Derma e l'Epidermide (Pelle) che ha natura adiposa ed ha la funzione di isolante e di riserva calorica dell'organismo.
La sua struttura dipende da diversi fattori come il sesso, l'età, la nutrizione, influenze ormonali, etc.
Erroneamente si pensa che la Cellulite sia un eccesso di adiposità localizzata, mentre la vera patologia dipende da una affezione degenerativa del tessuto adiposo (IPODERMA) dovuta ad alterazioni del microcircolo che vanno ad incidere sulle sue più importanti funzioni metaboliche.
Questa degenerazione ha come conseguenza l'aumento di volume delle cellule adipose e la presenza di liquido negli spazi intercellulari (ritenzione idrica).
Le cellule (ADIPOCITI) subiscono cambiamenti di volume e di forma e la membrana citoplastica che le avvolge, viene a lacerarsi facendo fuoriuscire i Trigliceridi (grasso) spargendoli a livello dei tessuti.
Questa alterazione prende il nome di "Lipodistrofia".


La cellulite può essere classificata in quattro stadi evolutivi:

Cellulite al primo stadio

Il Primo stadio è caratterizzato dalla deformazione degli Adipociti e rottura delle membrane citoplastiche con fuoriuscita dei Trigliceridi, nonché alterazione della microcircolazione.


Cellulite al secondo stadio

Nel Secondo stadio si ha un aumento dei fenomeni che riguardano il primo e quindi un peggioramento del microcircolo in rapporto con gli Adipociti.
In questi primi due stadi la superficie cutanea ha un aspetto normale anche se ha inizio una certa perdita di elasticità e di morbidezza a causa di un ristagno di Tossine.


Cellulite al terzo stadio

Il Terzo stadio è caratterizzato dalla formazione di NODULI e Fibre di Collagene che vanno ad incapsulare il microcircolo e gli Adipociti, formando "micronoduli" e alterando così il confine tra IPODERMA e DERMA.


Cellulite al quarto stadio

Nel Quarto stadio si ha un notevole aumento dei "micronoduli", che evolvono in Fibrosi, cioè un processo nel quale le Fibrille di Collagene creano una fitta trama che aderisce in profondità fino alle fasce muscolari.

Nel terzo e quarto stadio la superficie cutanea risulta di aspetto "a buccia d'arancia", irregolare, con striature biancastre e la pelle può risultare grassa o secca con la tendenza ad assottigliarsi.
Alla palpazione si rilevano macronoduli di diverse dimensioni accompagnati da manifestazioni dolorose.


Esistono diversi tipi di Cellulite:

Cellulite Compatta

Cellulite compatta

La Cellulite compatta colpisce generalmente le persone con peso di poco superiore alla normalità o obese. La cute si presenta ruvida e spesso con smagliature.


Cellulite Molle

La Cellulite molle si può riscontrare in persone di mezza età o che variano di peso in modo squilibrato. Con questo tipo di Cellulite il tessuto si presenta molle e ciò causa la sua fluttuazione specialmente durante i movimenti.


Cellulite Edematosa

Cellulite molle

La Cellulite edematosa è sempre associata a quella "compatta" ed evidenzia soprattutto patologie della circolazione con rilevante ristagno di liquidi nei tessuti. Come la Cellulite compatta, alla palpazione è dolorosa.

Le cause della Cellulite

Le Cause che danno origine alla Cellulite sono molteplici come fattori genetici, ormonali, vita sedentaria, alimentazione disordinata, malattie epatiche, stress, forte ritenzione idrica.
Il "sesso femminile" è il più predisposto al formarsi della Cellulite a causa degli squilibri ormonali a cui è soggetto durante la pubertà, la gravidanza e la meno-pausa.
Geneticamente esiste un fattore ereditario che può originare la Cellulite, come una certa fragilità capillare o sensibilità ormonale.
Determinante è l'azione che svolgono gli ormoni ovarici, l'ipofisi e la tiroide.
Anche la vita frenetica, le cattive abitudini alimentari, l'abuso di fumo, l'elevato consumo di caffè o alcool, l'esagerata attività fisica e lo scarso riposo notturno, possono contribuire al formarsi di questa malattia.

Altro fattore da non trascurare è l'uso di capi di vestiario molto aderenti e compressivi che ostacolano la circolazione sanguigna e l'uso di calzature con tacchi troppo alti che incidono sulla curva della colonna vertebrale.
Importante è anche la postura della persona. Ad esempio stare molto tempo seduti crea un ostacolo alla corretta circolazione linfatica e venosa.
Infine tutti i fattori che interferiscono con il regolare funzionamento della microcircolazione, incidono sull'insorgenza della Cellulite.

Rimedi per la Cellulite

Sono diversi i Rimedi contro la Cellulite.
Uno dei mezzi più usati è il classico massaggio, il cui effetto stimola la circolazione sanguigna delle aree interessate e il linfodrenaggio che è una tecnica praticata sia manualmente che meccanicamente, ma deve essere eseguita da operatori di fisioterapia molto esperti.

Molto importante è seguire una dieta alimentare corretta, povera di grassi e praticare una discreta attività fisica. Per chi è costretto a fare una vita sedentaria è assai utile la ginnastica passiva effettuata attraverso apparecchi elettrostimolatori.

Un metodo molto efficace è rappresentato dalla elettrostimolazione combinata, cioè dall'uso di un elettrostimolatore anticellulite e un elettrostimolatore faradico.
Il primo è in grado di ripristinare il microcircolo liberando i tessuti cellulitici dai liquidi in eccesso e dalle tossine, il secondo tonifica e rassoda le fibre muscolari con una ginnastica passiva che non produce acido lattico responsabile del dolore ai muscoli dopo una qualsiasi attività fisica.
L'uso giornaliero alternato dei due apparecchi elettromedicali determina nella maggioranza dei casi una sensibile diminuzione della cellulite.

Risulta molto efficace anche l'ultrasuonoterapia praticata per brevi periodi, di solito da 10 a 15 giorni di applicazioni successive intervallate da 10 giorni di pausa.

Un altro apparecchio elettromedicale per il trattamento della cellulite è la Ionoforesi.
Si tratta di una terapia che utilizza una tensione continua a corrente costante per veicolare un farmaco nell'organismo attraverso l'epidermide, andando quindi a curare direttamente la zona interessata.
Per il trattamento con la ionoforesi (vedi ionoforesi-terapia) vengono usati diversi tipi di farmaci (che debbono essere prescritti esclusivamente dal medico curante) come l'aminofillina che va ad agire sul metabolismo dei grassi, la carnitina e l'escina con effetti antinfiammatori e vasoprotettivi ed altri che migliorano la microcircolazione.
La Ionoforesi è efficace non soltanto nella cura della Cellulite, ma anche per mantenere i risultati ottenuti con altre terapie.

Un'altra terapia per la cura della cellulite è la Magnetoterapia, che viene usata di solito come complemento associabile a tutte le terapie fino ad ora descritte soprattutto all'inizio di qualunque trattamento, per indurre una forte sollecitazione del metabolismo e localmente della microcircolazione con riassorbimento del ristagno dei liquidi.
L'apparecchio di magnetoterapia più indicato è sicuramente quello ad alta frequenza che riesce ad avere una maggiore penetrazione nei tessuti rispetto a quello a bassa frequenza.

Altri metodi per la cura della Cellulite sono rappresentati dalla Lipoaspirazione, Liposcultura, Ozonoterapia, etc. tutti interventi chirurgici che vanno eseguiti in centri medici specializzati.


Made in Italy
Tutti gli apparecchi sono prodotti in Italia nel rispetto delle normative europee CE sulla sicurezza:
CEE 89/336 - 73/23 - 93/42.
UP